Chimica, Materiali e Biotecnologie
(Ambientali e Sanitarie)

Biotecnologie AMBIENTALI
Discipline ore annuali
Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4 4
Lingua inglese 3 3 3 3 3
Storia 2 2 2 2 2
Matematica 4 4
3 3 3
Diritto ed economia 2 2
Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) 2 2      
Scienze integrate (Fisica) * 3
3
Scienze Integrate (Chimica) * 3 3
Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica * 3 3
Tecnologie informatiche *
3      
Scienze e tecnologie applicate 3      
Complementi di matematica 1 1
Chimica analitica e strumentale   4 4 4
Chimica organica e biochimica   4 4 4
Biologia, microbiologia, e tecnologie di
controllo ambientale
    6 6 6
Fisica ambientale     2 2 2
Scienze motorie e sportive 2 2 2 2 2
Religione cattolica o attività alternative 1  1   1 1  1 
TOTALE:
32
32
32
32
32

 

Biotecnologie SANITARIE
Discipline ore annuali
Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4 4
Lingua inglese 3 3 3 3 3
Storia 2 2 2 2 2
Matematica 4 4 3 3 3
Diritto ed economia 2 2
Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) 2 2      
Scienze integrate (Fisica) * 3 3
Scienze Integrate (Chimica) * 3 3
Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica * 3 3
Tecnologie informatiche *
3      
Scienze e tecnologie applicate 3      
Complementi di matematica 1 1
Chimica analitica e strumentale   3 3
Chimica organica e biochimica   3 3 4
Biologia, microbiologia, e tecnologie di
controllo ambientale
    4 4 4
Igiene, anatomia, fisiologia, patologia     6 6 6
Legislazione sanitaria

3
Scienze motorie e sportive 2 2 2 2 2
Religione cattolica o attività alternative 1  1   1 1  1
TOTALE:
32
32
32
32
32

 
L’Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie è connotato da una solida base a carattere scientifico e tecnologico costruita attraverso lo studio, l’approfondimento e l’applicazione di
linguaggi e metodologie di carattere generale e specifico che ha come ambiti di riferimento l’analisi dell’ambiente e la tutela della salute.
Tali specificità sono oggetto di indagine delle discipline dell’Indirizzo che a partire dal secondo biennio ne articolano il percorso in Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie, costituendo il nucleo professionalizzante delle due diverse articolazioni.
L’iter formativo dello studente si concretizza nell’acquisizione progressiva di "competenze chiave e del know how" correlati al settore di studi, strumenti fondamentali per cogliere la concreta interdipendenza tra scienza, tecnologia e tecniche operative nell’ottica di una visione d’insieme attenta, partecipe e attiva per uno sviluppo equilibrato e sostenibile.

L’acquisizione del Diploma di Perito in Chimica, Materiali e Biotecnologie consente allo
studente in uscita di:

• applicare le competenze specifiche nel campo delle analisi chimico-biologiche in ambito ambientale, biotecnologico e microbiologico;
• pianificare e gestire le attività di laboratorio relative al controllo e monitoraggio dell’ambiente e degli aspetti igienico-sanitari connessi;
• utilizzare i principali software per il controllo e la gestione delle tecniche di laboratorio e degli impianti.

L’indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie, nell’ambito delle strutture e delle risorse umane
di cui dispone l’I.I.S. "Giordano Bruno", costruisce il profilo tecnico professionale dello studente attraverso gli strumenti operativi e le scelte didattico-metodologiche adottate dai docenti ponendo al centro della sua azione formativa due “modus operandi” che ritiene fondamentali:
• la didattica laboratoriale in cui "il laboratorio" è inteso come luogo di apprendimento cognitivo e operativo-procedurale;
• la didattica attiva con cui la Scuola collabora con altri soggetti (Enti, Istituzioni, Imprese) operanti sul territorio, attraverso strumenti operativi quali stages, tirocini e periodi di alternanza scuola-lavoro.

La funzione principale di tali strumenti è quella di agevolare le scelte formative e professionali degli studenti in contesti attinenti l’indirizzo di studio, per verificare, integrare e rielaborare quanto appreso in ambito scolastico, al fine di acquisire nuove competenze ed esperienze sul campo che ne favoriscano la crescita professionale e personale.

I risultati di apprendimento attesi a conclusione del percorso quinquennale consentono allo
studente di inserirsi direttamente nel mondo del lavoro, accedere alle varie facoltà universitarie, accedere al sistema di istruzione e formazione superiore, accedere ai percorsi di studio e di lavoro previsti per l’accesso agli albi delle professioni tecniche.